L’aromaterapia, definita anche “massaggio dell’anima”, è caratterizzata dall’utilizzo di oli essenziali capaci di attivare i cinque sensi – in particolare l’olfatto – con l’intento di stimolare il nostro sistema limbico: il corpo produce endorfine e queste ultime donano un senso di benessere generale alla mente e al corpo. Ne consegue un fisiologico miglioramento dell’umore.

Il termine è stato coniato nella prima metà del Novecento, più precisamente nel 1937, plasmato sulle idee di Rene-Maurice Gattefossé. Quest’ultimo scrisse e diffuse la prima seminale pubblicazione sull’argomento, ovvero “Aromaterapia di Gattefossé”.

L’unione tra l’aromaterapia e l’arte del massaggio crea un connubio perfetto e quasi mistico. Tuttavia molti ancora tendono a vedere le due pratiche come separate, come impossibili da conciliare, laddove invece il risultato della combinazione tra l’effluvio degli aromi e la manualità del massaggio è forse uno dei metodi più efficaci per un trattamento che agisca sulla persone a “tutto tondo”, a 360°.

Sempre di più infatti, il settore del benessere punta sulla somma olistica di processi fisiologici, psicologici e spirituali. Il nostro corpo influisce sulla nostra psiche e viceversa, insomma.

Il massaggio con aromaterapia (o l’aromaterapia durante il massaggio, se preferite) è quindi una esperienza sensoriale unica nel suo genere. Questo particolare tipo di massaggio olistico è utile sia per chi lo riceve sia per chi lo fa, dal momento che gli aromi che vengono utilizzati durante il processo agiscono in egual maniera su “massaggiatore” e “massaggiato”.

Ma vediamo più nel dettaglio quali possono essere i benefici del massaggio con aromaterapia.

Innanzitutto una diffusa sensazione di benessere e relax, che porta ad una maggiore lucidità mentale.

La stimolazione della circolazione.

Un rafforzamento del sistema immunitario (per entrambe le parti in causa, come accennato in precedenza).

L’azione rigenerante del massaggio con aroma terapia inoltre, ha la particolare di agire non solo nell’immediato ma anche sulla lunga distanza: gli oli utilizzati infatti vengono assorbiti anche dopo 70-90 minuti dalla fine del trattamento, prolungando la sensazione di benessere.

A questo punto però c’è una precisazione da fare. Al fine di ottenere – chi più, chi meno – questi effetti benefici è fondamentale la tipologia e la qualità degli oli utilizzati. Troppo spesso questo aspetto viene trascurato e sul mercato (online ma anche in molti negozi) si spacciano per essenziali e naturali oli che invece non lo sono. Non fatevi ingannare da una confezione accattivante ma controllate sempre e minuziosamente l’etichetta.

Prestate sempre dunque la massima attenzione alla qualità degli oli che utilizzate: devono essere essenziali e naturali.

Aromi artificiali e/o sintetici possono invece provocare mal di testa e mal di gola. irritazione cutanea ed emotiva.

Gli oli più indicati e utilizzati sono – per citarne alcuni – sandalo, lavanda, legno di cedro atlas, issopo e valeriana. Alcuni possono essere utilizzati anche “a caldo” per una sensazione ancora più inebriante nei mesi invernali: tra questi citiamo gli oli di alloro, di curcuma, di coriandolo o di zenzero. La ricetta perfetta per la sazietà dell’anima?

Una tecnica alternativa già adottata da molti professionisti e particolarmente indicata per chi ama crogiolarsi nei sapori di erbe aromatiche o fragranze esotiche. Il massaggio con annessa aroma terapia può aiutarvi a trovare la pace dei sensi o quantomeno una ritrovare la serenità per affrontare la giornata.

Trovi tutto su guida ai massaggi  cliccando sul bottone verde SCOPRI DI PIU’”

Ti è piaciuto questo articolo? Se c’è altro che vorresti sapere o se vuoi semplicemente scriverci la tua opinione, lasciaci un commento qui sotto! Ci farebbe molto piacere sapere cosa ne pensi.