Il massaggio sportivo è l’insieme delle tecniche propedeutiche al miglioramento dell’attività sportiva. Noto e utilizzato sin dall’antichità (i Greci lo praticavano durante i giochi Olimpici, mentre i Romani nei combattimenti tra gladiatori) il massaggio sportivo non si riferisce soltanto alla competizione agonistica, bensì all’attività fisica in generale. Non occorre quindi essere degli sportivi professionisti per beneficiare dei vantaggi: questo è utile e consigliabile a chiunque pratichi uno sport a livello amatoriale, voglia sottoporsi ad un intenso allenamento in palestra o più semplicemente voglia mantenersi tonico e in salute.

Il massaggio sportivo, infatti, serve più generalmente a preparare il corpo ad uno sforzo fisico e a coadiuvare una qualsiasi prestazione muscolare. Importante non confondere questo tipo di massaggio con lo stretching, che può essere parte integrante di training sportivo ma costituisce una parte a sé (e svolta per lo più da sé) rispetto al massaggio (compito del preparatore atletico / massaggiatore).

A livello strettamente scientifico, quello che accade durante un massaggio sportivo è sostanzialmente l’aumento del flusso sanguigno con la relativa ipertermia locale (la zona tratta si surriscalda, ecco perché spesso si parla di “riscaldamento”); ne deriva una conseguente stimolazione del sistema nervoso parasimpatico e una maggiore elasticità della nostra muscolatura, pronta a reggere uno sforzo fuori dall’ordinario.

Massaggio sportivo: come si fa?

I fattori da tenere in considerazione sono molti. In primo luogo l’entità della prestazione fisica che si dovrà affrontare. Poi il clima: ovviamente il nostro corpo reagirà diversamente a seconda della temperatura alla quale è sottoposto durante l’attività fisica.

Inoltre bisogna tenere in considerazione il fatto che il massaggio sportivo può essere effettuato in fasi diverse, ognuna con le sue peculiarità: pre-gara (per riscaldare il corpo), infra-gara (durante le pause tra una trance e l’altra), post-gara (defaticante).

Le tecniche sono molteplici, possono variare i base alla condizione atletica di chi riceve il massaggio, dell’affaticamento subìto, delle stesse peculiarità fisiche del soggetto in questione. In questo senso anche la durata del massaggio è assolutamente variabile. Possiamo citarne alcune delle tecniche più diffuse, come: l’impastamento, il rotolamento, lo scuotimento, la battitura, la frizione (dinamica o statica), la percussione o il pizzicamento.

Diamo alcune indicazioni di massima per coadiuvare il massaggio. Prima di una gara tendenzialmente si usano delle creme per riscaldare i muscoli; mentre dopo la gara è meglio utilizzare degli oli o delle lozioni con azione defaticante o – eventualmente – anche antinfiammatoria. Per evitare il rischio di fare danni nel soggetto massaggiato, è importante ricordarsi di maneggiare con cura alcune zone particolarmente sensibili come tibia, rotula, sterno, clavicola, colonna vertebrale, tendine d’Achille.

Massaggio sportivo: benefici

Quali sono i benefici del massaggio sportivo, al di là del miglioramento della performance atletica?

La riduzione della frequenza cardiaca, della pressione sanguigna, delle contratture muscolari.

Oltre a questo, permette rimuovere l’acido lattico (e tutte le altre scorie metaboliche) che affiora puntualmente durante durante l’attività fisica e aumentare il livello delle endorfine (attutendo o andando ad inibire la sensazione di dolore).

Il massaggio sportivo inoltre riduce i livelli di cortisolo e serotonina nel sangue, andando a ridurre l’ansia da prestazione e migliorando genericamente l’umore. A tal proposito, è importate sottolineare come un preparatore atletico – e di conseguenza un buon massaggio sportivo – abbia delle ricadute psicologiche oltre che muscolari.

Ultimo punto, ovvio ma fondamentale: il massaggio sportivo aiuta a prevenire gli infortuni. Una buona notizia per tutti, sia per gli sportivi della domenica che per i grandi campioni per evitare problemi fisici che potrebbero modificare le sorti di un’intera stagione agonistica o di un match importante.

Trovi tutto su guida ai massaggi  cliccando sul bottone verde “SCOPRI DI PIU’”

Ti è piaciuto questo articolo? Se c’è altro che vorresti sapere o se vuoi semplicemente scriverci la tua opinione, lasciaci un commento qui sotto! Ci farebbe molto piacere sapere cosa ne pensi.